Fotografia di pietra dai cerchi concentrici

Una curiosa pietra trovata nell’uliveto dell’Agriturismo Poggio Diavolino scavata da misteriosi cerchi concentrici.

Anni fa, quando eravamo da poco arrivati a Poggio Diavolino, nell’uliveto dietro la collina, capitava di trovare delle curiose pietre in cui erano scavati dei cerchi concentrici, un’avvallamento conico con tanti gironi, per intendersi un po’ come una torre di Babele appiattita rovesciata.

Da ragazzino, ho sempre lasciato correre la fantasia, cercando di immaginare cosa fossero, l’origine di questi sassi così curiosi. Cosa poteva aver originato questi cerchi concentrici e questi avvallamenti? Perché questo tipo peculiare di pietre si trova solo in un punto ben preciso dell’azienda? Si tratta di formazioni naturali o sono manufatti di un popolo antico?

E non ero il solo a pormi talnte domande. Quando trovavamo una nuova pietra dai cerchi concentrici ne discutevamo lungamente a cena, con i nostri amici e i nostri ospiti. Nessuno veramente esperto, ma tutti con la loro teoria più o meno strampalata per spiegare l’origine delle misteriose pietre.

— Secondo me qui una volta c’erano delle enormi caverne, queste pietre sono state scavate da una goccia che per millenni è cascata sempre allo stesso posto…

— Ma se qui è tutto secco, e poi non siamo mica in una zona carsica?

— Come no, il carsismo è proprio un fenomeno di queste colline.

— Però una goccia che cade sempre allo stesso posto forma una stalagmite, mica un avvallamento, questi sassi sono tutti concavi.

— Si è vero, non può esser stata l’acqua.

— Magari è un po’ come quelle pietre vulcaniche, che quando le rompi sono cave e tutte piene di cristalli. Questa è metà, come un pezzo di una noce di cocco.

— Un fossile?

— Secondo me invece era il pestello di un popolo primitivo, che lo usava per schiacciare il grano…

— Ma no! È troppo piatto! Io dico che era piuttosto un elemento rotante, tipo il punto di battuta di un assale.

— Ma quale popolo primitivo, è troppo irregolare per essere un utensile umano, è sicuramente di origine naturale…

Il tempo è passato, ma il mistero delle pietre concentriche non è mai stato svelato. Ognuno ha detto la sua, ma la vera origine di questi sassi non è mai stata chiarita.

Qualche pietra concentrica è stata regalata, un amico ne ha fatto un posacenere, qualcuna è stata dimenticata chissà dove, e ormai da anni non ne vedevamo più uno. Qualche giorno fa però, mentre ero nell’uliveto dietro la collina, ecco apparire al piede di un albero la forma inconfondibile che ricordavo dalla mia infanzia: un altro misterioso sasso dai cerchi concentrici. Uguale a quelli di una volta, impossibile sbagliarsi. Che bello vedere concretizzarsi un oggetto che viveva ormai solo nella nostra memoria, senza prova concreta che esistesse davvero; quasi a voler infittire il mistero. E adesso il giallo è di nuovo riaperto.

E voi, cosa ne pensate? Che origine hanno questi sassi? Naturali o umani? Raccontateci la vostra versione qui nei commenti, se non siete degli esperti geologi non importa, lasciate correre la fantasia, è quello che abbiamo fatto noi per tanti anni!